Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
28 aprile 2012 6 28 /04 /aprile /2012 05:40

Con l'avvento del gratis + pagamento arrivano anche i primi guadagni veri. A dominare il mercato, proprio le applicazioni gratuite. E la pubblicità mobile cresce velocissima

cellulari-dual-sim.jpg

Con il 2012 da poco iniziato, è tempo di guardarsi alle spalle e aderire al trend di appiccicare all'anno concluso un'etichetta che lo identifichi come l' anno di qualcosa. Il 2011 era iniziato con le previsioni che davano quasi per certo che avremmo vissuto l'anno delle app o l'anno degli smartphone. Si trattava, in entrambi i casi, di osservazioni corrette: già nel 2010, infatti, questi due settori avevano iniziato la scalata verso la vetta del mercato del mobile.

Ma nel 2011 qualcosa è cambiato radicalmente: gli sviluppatori hanno iniziato a guadagnare, e in alcuni casi, a racimolare cifre importanti. Questo è potuto succedere grazie al cambio di scenario: dalle applicazioni premium si è progressivamente passati al freemium contemporaneamente alla crescita della pubblicità interattiva e degli acquisti in-app. Il mutamento è stato a tal punto forte che secondo Ihs Screen Digest Mobile Media Intelligence Service, il 96% dei miliardi di applicazioni scaricate nel corso di tutto il 2011 era gratuito. Oltre a questo dato bisogna aggiungere che il 45% delle app besteller per iPhone dell' App Store e il 31% dei maggiori successi dell'Android Market erano a costo zero. Inoltre, è bene notare come questi numeri non tengano conto degli introiti provenienti dalla pubblicità, i quali spingerebbero ancora di più verso l'alto gli incassi generati dalle app.

L'aspetto comunque più interessante rimane il potenziale della pubblicità su device mobili: il tempo che passiamo con gli smartphone e i tablet nel 2011 ha superato quello che dedichiamo ai media cartacei e sta per raggiungere quello che trascorriamo ascoltando la radio. La crescita è importante e costante, ma è bene far presente come la spesa pubblicitaria su mobile rappresenti all'oggi solo l' 1% degli investimenti complessivi, a fronte, però, del 10% della nostra dieta mediatica speso con in mano un cellulare o una tavoletta. Una cifra piccola che contrasta con il 25% degli investimenti ancora dedicati alla carta stampata e il 10 destinato alla radio. La crescita potenziale del mobile e della sua percentuale di spesa sono però comunque importanti in quanto gli inserzionisti mainstream iniziano a rendersi conto di come il mobile possa diventare in futuro il medium più pervasivo , pronto anche a puntare a superare la tv.


Cellulari 4 Sim Anycool

E72 Anycool Cellulare 4 SimSOLI € 45,00


La percentuale investimenti spesa in annunci su mobile è intanto raddoppiata rispetto al 2010, mentre quelle degli altri settori sono rimaste stabili o sono addirittura diminuite. Quanto ai differenziali tra tempo speso e investimenti, la domanda di annunci mobile sembra intanto seguire le tracce di quanto fatto dalla Rete ai suoi albori. Ma rispetto all'alba del Www, l'adozione dei media mobile è molto più rapida di quanto non fosse quella di Internet a suo tempo. Lo possiamo affermare, quindi: il 2011 è stato fuor di dubbio l' anno della monetizzazione delle app. Ecco la definizione più precisa. Ma attenzione: potremmo aver anticipato qualcosa: il 2012 potrebbe replicare questo titolo. I segnali ci sono tutti.

Articoli recenti

Condividi post

Repost 0
Published by Cellulari 4 Sim Anycool
scrivi un commento

commenti